Ambasciatore Isaías Rodríguez: la decisione del Consiglio dell'UE rappresenta una chiara ingerenza contro il Venezuela Imprimir
Escrito por EMBAVENEIT   
Viernes, 24 de Noviembre de 2017 13:52

386

Italia, 20 novembre 2017 (MPPRE) .- Il rappresentante diplomatico della Repubblica Bolivariana del Venezuela nella Repubblica italiana, Julián Isaías Rodríguez ha partecipato nella città di Napoli all'evento "Il rispetto della Costituzione, i diritti umani, civili e politici. Venezuela, popolo di pace".

Durante l'attività, coordinata dal Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, l'Ambasciatore ha denunciato, di fronte al pubblico composto da intellettuali, studenti, accademici e rappresentanti dei movimenti sociali e associazioni, la decisione presa dal Consiglio dell'Unione Europea (UE) ad adottare sanzioni illegali contro il Venezuela.

Il costituzionalista venezuelano ha anche indicato che le presunte sanzioni economiche contro il paese sudamericano hanno a che fare con il petrolio e che lo scopo non è solo minare il dialogo tra opposizione e governo, ma appropriarsi dell'idrocarburo venezuelana.

Ha aggiunto inoltre che, per fortuna, "i tempi sono cambiati e che la geopolitica del mondo non si muove più soltanto attorno agli Stati Uniti. Ci sono fattori importanti che bilanciano il potere politico ed economico nel mondo ".

Ha anche sostenuto che le presunte sanzioni rappresentano una chiara ingerenza negli affari interni del Venezuela ma, "in questo momento, l'America Latina ha assunto una posizione molto chiara in difesa delle sue risorse economiche. Il Venezuela resisterà e vincerà! "

L'incontro è stato inaugurato con il discorso del console Amarilis Gutiérrez Graffe e ha visto la partecipazione dei professori: Paolo Maddalena, vice presidente emerito della Corte costituzionale; Carlo Amirante, professore di diritto costituzionale; Alessandra Ricci, professore e fondatore della rivista America Latina, così come Nicola Quatrano, presidente dell'Osservatorio Internazionale OSSIN e Geraldina Colotti, giornalista e scrittrice.

Hanno partecipato all'evento anche Gianmarco Pisa, operatore della pace e attivista internazionalista, Sandro Fucito, presidente del consiglio comunale di Napoli, e i consoli onorari del Nicaragua e Tunisia, Gerry Danesi e Beya Ben Abdelbaki.