emb_italia
Noticias de Venezuela en el Mundo
Castro Soteldo: Sólo en el marco del multilateralismo alcanzaremos el desarrollo sustentable PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 29 de Noviembre de 2017 11:19

391

En nombre del Gobierno Bolivariano, el vicepresidente sectorial de Economía y ministro del Poder Popular para la Agricultura y Tierras, Wilmar Castro Soteldo, acompañado de otros funcionarios de alto nivel, participan en la 17° Conferencia General de la Organización de las Naciones Unidas para el Desarrollo Industrial (Onudi), órgano de la ONU encargado de promover y acelerar la industrialización en los países en desarrollo. (Versión en Italiano)

Última actualización el Lunes, 04 de Diciembre de 2017 13:36
Leer más...
 
Castro Soteldo: solo nell'ambito del multilateralismo potremo raggiungere uno sviluppo sostenibile PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 29 de Noviembre de 2017 11:10

391

A nome del Governo Bolivariano, il vice presidente del settore economico e il ministro del Potere Popolare per l'Agricoltura e il terriotrio, Wilmar Castro Soteldo, accompagnato da altri alti funzionari, ha partecipato alla 17° Conferenza Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (Onudi), un organismo delle Nazioni Unite incaricato di promuovere e accelerare l'industrializzazione nei paesi in via di sviluppo.

In questo contesto, Castro Soteldo ha indicato che bisogna attaccare le varie forme di violenza che le potenze imperialiste utilizzano in modo unilaterale, coloro che non accettano le varie forme di vita e di autodeterminazione dei popoli; azioni che si convertono in barriere per lo sviluppo dei paesi e diventano strumenti di dominio da parte di questi poteri egemoni. Inoltre, ha esortato i presenti a raddoppiare l'impegno in questo spazio internazionale per rafforzare il multilateralismo e costruire la pace.

Allo stesso modo, ha affermato che il Venezuela è un paese in via di sviluppo che fa sforzi straordinari per soddisfare i bisogni sociali, economici e culturali; "è per questo motivo che il governo venezuelano ha rivendicato l'esercizio sovrano delle sue risorse naturali, uno strumento fondamentale per sradicare la povertà e le disuguaglianze sociali".

Il Vice presidente del settore economico ha sottolineato che in questa nuova fase il governo Bolivariano ha ipotizzato la rottura definitiva con il modello rentierista basato sul petrolio, puntando a migliorare il proprio sistema socio-economico spingendolo verso un modello di produzione misto e diversificato per possa diffondere uguaglianza, prosperità e dare un futuro positivo alla nazione approfondendo lo stato democratico e sociale del diritto e della giustizia.

Soteldo ha ricordato che il comandante Hugo Chávez stava lavorando su un progetto nazionale inclusivo, che punta sulla formazione, sul lavoro e lo spirito collettivo. "Chávez ha compiuto grandi sforzi contro la diseguaglianza e l'esclusione, questa è la visione del mondo che promuoviamo dal Venezuela", ha aggiunto.

Il funzionario venezuelano ha ribadito che il sogno del popolo è quello di garantire che ciascuno dei discorsi pronunciati oggi dai delegati di ogni nazione in occasione della Conferenza Generale siano effettivi e si trasformino in atti concreti per garantire la somma più alta di felicità e prosperità per tutti gli esseri umani di questo pianeta.

 
Venezuela partecipa alla conferenza "La voce dei popoli" presso l'Università di Siena PDF Imprimir E-mail
Escrito por EMBAVENEIT   
Martes, 28 de Noviembre de 2017 15:52

390

Italia, 27 novembre 2017 (MPPRE).- In una delle università più prestigiose e antiche in Italia e in Europa, l'Università di Siena, Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Julián Isaías Rodríguez Díaz ha partecipato alla conferenza "La voce dei popoli. La situazione venezuelana nel contesto geopolitico", organizzata dall'associazione studentesca Cravos Siena. 

Durante il suo discorso, il Diplomatico Bolivariano ha riferito al pubblico che la chiave per comprendere ciò che sta accadendo in Venezuela è il petrolio: "I veri agenti della violenza in Venezuela sono le grandi compagnie petrolifere e i loro alleati, utilizzate come piattaforma per tentare di provocare una guerra civile nel nostro paese. Screditano il nostro paese per giustificare l'intervento per attaccare la nostra sovranità", ha affermato.

Il costituzionalista venezuelano, Isaías Rodríguez ha anche chiarito le principali caratteristiche dell'attuale Costituzione venezuelana, vigente a partire dal 1999, mettendo in evidenza le differenze sostanziali con le costituzioni europee, come la divisione dei poteri, i meccanismi di partecipazione democrazia diretta, il divieto a livello costituzionale del sistema neoliberale, la figura dell'Assemblea Nazionale Costituente (ANC) e la protezione dei diritti individuali e sociali di tutti i cittadini.

"Il Governo Bolivariano ha cercato - nonostante una guerra economica senza precedenti - di garantire e rafforzare i diritti individuali e sociali dei venezuelani attraverso le varie missioni e l'assistenza in ambito sanitario, dell'istruzione e delle abitazioni, come pochi paesi nel mondo".

L'ambasciatore, Isaías Rodríguez, ha denunciato le pressioni esercitate dagli Stati Uniti e dal Canada attraverso le sanzioni economiche contro il paese di Bolivar e, allo stesso tempo, "ha invitato l'Unione Europea a riflettere e riconsiderare la loro decisione, considerando che le sanzioni colpiscono sempre tutti i cittadini, e che il dialogo e la ricerca della pace rappresentano l'unica strada possibile".

All'evento accademico ha inoltre partecipato - via Skype- il giornalista italo-venezuelano Ennio Di Marcantonio, che ha ripercorso brevemente la storia del Venezuela, dall'arrivo del Comandante Hugo Chávez Frías alla situazione attuale.

Di Marcantonio ha sottolineato le conquiste sociali e politiche del processo rivoluzionario, l'inclusione di tutti i cittadini nella vita politica del paese, i tentativi di diversificare l'economia, la rivendicazione delle lotte sociali e della difesa dei diritti fondamentali e, allo stesso tempo, ha denunciato la campagna mediatica internazionale che cerca di screditare l'immagine del paese.

L'attività si è conclusa con l'intervento del pubblico composto da studenti, professori e cittadini italiani e stranieri, che hanno approfondito diverse problematiche legate all'attuale situazione del Paese: il processo costituente, gli obiettivi e il ruolo dell'ANC; l'unità dell'America Latina e le nuove misure economiche attuate dal governo venezuelano per affrontare e risolvere la grave crisi economica indotta.

L'associazione studentesca Cravos Siena, mira a stabilire nuove aree di aggregazione e discussione all'interno dell'università italiana e contribuire alla lotta contro il fascismo, la discriminazione di genere, il razzismo e l'omofobia. In questo senso, incoraggia la creazione di momenti di dibattito e confronto.

 
<< Inicio < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Próximo > Fin >>

Página 10 de 321

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion