emb_italia
Noticias de Venezuela en el Mundo
Governo Bolivariano condanna in modo categorico l’attacco perpetrato nella città di Barcellona PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Viernes, 18 de Agosto de 2017 10:49

000 COMUNICADO OFICIAL

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, e il Governo Bolivariano condannano in modo categorico il crudele attacco perpetrato il 17 agosto 2017 nella città di Barcellona, capitale della Comunità Autonoma della Catalogna, Spagna, che ha tolto la vita a persone innocenti, provocando decine di feriti e infliggendo un immenso dolore al popolo spagnolo.

Il Venezuela ripudia qualsiasi atto di violenza terrorista contro l'umanità ed esprime la sua solidarietà con il governo spagnolo, con il popolo e le autorità catalane, con i familiari delle vittime in un momento così difficile, pregando per la rapida guarigione dei feriti.
La Repubblica Bolivariana del Venezuela, un paese impegnato per la pace come valore essenziale della vita politica e delle relazioni internazionali, auspica che questo tipo di atti che attanagliano l'umanità possano cessare presto.

Il Governo Bolivariano rinnova il suo affetto al popolo spagnolo, e soprattutto alla comunità spagnola presente nel nostro paese, a cui siamo legati grazie a vincoli indissolubili di storia, fratellanza e amicizia.

Caracas, 17 agosto 2017

 
Gobierno Bolivariano condena categóricamente ataque perpetrado en la ciudad de Barcelona PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Viernes, 18 de Agosto de 2017 10:39

000 COMUNICADO OFICIAL

El Presidente de la República Bolivariana de Venezuela, Nicolás Maduro Moros, y el Gobierno Bolivariano condenan de forma categórica el perverso ataque perpetrado el día de hoy 17 de agosto de 2017, en la ciudad de Barcelona, capital de la Comunidad Autónoma de Cataluña, España, que cobró la vida de personas inocentes, ha generado decenas de heridos y ha traído inmenso pesar al pueblo español. (Versión en Italiano)

Última actualización el Viernes, 18 de Agosto de 2017 10:51
Leer más...
 
Isaías Rodríguez: I documenti presentanti sono la prova schiacciante delle accuse rivolte al Pubblico Ministero PDF Imprimir E-mail
Escrito por CORREO DEL ORINOCO   
Jueves, 17 de Agosto de 2017 13:48

283

Il secondo vicepresidente dell'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), Isaías Rodríguez, ha dichiarato mercoledì scorso che i documenti presentati nella denuncia contro il Pubblico Ministero (Ministerio Público) per l'esistenza di una presunta rete di estorsione nell'istituzione sono contundenti.

"Coloro che, da molto tempo, cercano di ostacolarci avranno degli elementi per dire che si sta distorcendo la verità, ma le prove sono schiaccianti", ha affermato.

Durante l'intervista durante il programma Diálogo Constituyente, trasmesso da Venezolana de Televisión, l'ex Procuratore Generale della Repubblica ha indicato che i documenti presentati dal costituente Diosdado Cabello rappresentano una forte prova dei fatti denunciati.

Inoltre, ha menzionato che nelle prove sono presenti dettagli riguardo i conti correnti bancari aperti all'estero dai procuratori del Pubblico Ministero. "Credo che uno dei conti, secondo quanto segnalato, era a nome della direttrice dell'Ufficio del Procuratore Generale: non solo si tratta di un fatto di cronaca, ma questo fatto va ben oltre la notizia", ha detto.

"Per quanto riguarda la dichiarazione di Diosdado, è una presunzione che ha prove fondate di colpevolezza, come diciamo noi avvocati, questi fatti presentati in tale forma e con prove documentate, spiegano parte dei possibili comportamenti che sono stati assunti all'interno del Ministero Pubblico", ha aggiunto.

Infine, ha descritto i fatti presentati dal costituente Diosdado Cabello come molto gravi, perché "possono rappresentare un elemento di pressione che ha causato un comportamento che nessuno si aspettava nel Paese".

SULL'ATTUALE SITUAZIONE DEL PUBBLICO MINISTERO

Rodríguez ha affermato che l'immagine che ha oggi il Pubblico Ministero è "disastrosa" e che ci vorrà del tempo per poter recuperare il prestigio di tale istituzione che rappresenta l'autorità che dà avvio all'azione penale.

Inoltre, ha sottolineato che la situazione all'interno della Procura è grave, perché non coinvolge solo un procuratore, ma una rete di procuratori che presumibilmente si sono dedicati all'estorsione e ad altri reati.

Ha anche aggiunto che sarà molto difficile interrompere una situazione in cui c'è una rete dedicata al crimine e si potrà fare soltanto attraverso una completa ristrutturazione del Pubblico Ministero. "Si dovrà quasi ricostituirlo, dalle sue ceneri dobbiamo cercare di costruire una nuova struttura morale, giuridica, istituzionale che trasmetta fiducia al paese, che permetta al Paese di avere nuovamente fiducia in questa istituzione", ha affermato.

NON É UNA VENDETTA

Riguardo le affermazioni dell'ex procuratore Luisa Ortega Diaz, in cui afferma che la denuncia presentata oggi è una vendetta, il costituente Isaías Rodríguez, ha negato che tale azione rappresenti una ritorsione.

"Non solo non è vendetta ma, soprattutto adesso tali prove sono determinanti per smentire qualsiasi matrice di opinione, a livello nazionale o internazionale, che vuole far apparire la questione come una ritorsione, una rappresaglia, una vendetta o come un atto ingiusto", ha concluso.

 
<< Inicio < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Próximo > Fin >>

Página 1 de 265

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion