emb_italia
I movimenti sociali e politici dell'America Latina partecipano al Vertice dei Popoli PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 11 de Abril de 2018 10:26

102

I Movimenti sociali e politici in America Latina si sono dati appuntamento ieri a Lima, in Perù, per inaugurare il Vertice dei Popoli che si terrà fino al 14 aprile e dove le diverse organizzazioni si schierano a favore della lotta dei popoli.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato le delegazioni del Venezuela, Cuba, Messico e altri paesi dell'America Latina che hanno aderito alla chiamata del Comando Nacional Unitario de Lucha e della Central General Trabajadores del Perú (CNUL-CGTP).

Geronimo Lopez, presidente della CNUL e CGTP, ha dato il benvenuto alle varie organizzazioni e ai movimenti sociali, lodando gli sforzi fatti per essere presenti al vertice in un clima politico caratterizzato dalle aggressioni interventiste del governo degli Stati Uniti contro i governi che hanno deciso di apportare cambiamenti economici, politici e culturali a favore del proprio popolo.

"È ovvio che durante questo vertice verranno analizzati e discussi i problemi più delicati che affliggono i nostri paesi come le conseguenze dell'implementazione del capitalismo neoliberista che ha fallito nel mondo", ha affermato.

Ha anche indicato che, a suo parere, la crisi politica dei governi che si muovono sotto la guida del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale non sarà risolta se non vi sarà un cambiamento radicale del modello neoliberale.

"La sostituzione delle persone a guida dei governi, come recentemente accaduto in Perù, non rappresenta una soluzione fintanto che rimane vigente il dominio del sistema capitalista che privilegia il profitto delle multinazionali escludendo i popoli emarginati, la povertà e le altre piaghe sociali."

Flor de María Gonzales, Segretario Generale del Partito Comunista Peruviano, ha parlato a sostegno del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ed ha denunciato l'esclusione illegale e arbitraria del paese caraibico dal Vertice delle Americhe.

Ha anche sottolineato che l'imperialismo ha cercato in tutti i modi possibili di appropriarsi dei popoli della nostra America per impedirne il progresso.

"Abbiamo visto come l'imperialismo ha modernizzato i suoi trucchi, le sue strategie, per mettere gli artigli sul nostro territorio e impedire l'avanzata delle forze democratiche e progressiste. Non è nell'interesse dell'imperialismo che i popoli decidano del proprio destino", ha dichiarato.

A nome della delegazione venezuelana, Robexa Poleo della Gioventù del Partito Socialista Unito del Venezuela (Jpsuv) ha espresso l'impegno dei giovani venezuelani per mantenere in vita la Rivoluzione Bolivariana.

Allo stesso tempo, ha indicato che la destra internazionale ha paura di contrastare i modelli sociali con i popoli che lottano contro l'ingerenza imperialista.

"Hanno paura di confrontare modelli, il modello della verità contro le bugie, l'amore contro l'odio, la paura dei popolo che combattono contro l'arroganza e l'ingerenza imperialista. Gli fa paura e hanno paura di noi perché non abbiamo paura, ma non ci fermeranno".

Infine ha sottolineato che le popolazioni latinoamericane considerano il Vertice dei Popoli come il vero vertice a favore della regione.

"Crediamo che il vero vertice sia questo, il Vertice dei Popoli con la nostra diversità, le nostre organizzazioni e movimenti di contadini, studenti, indigeni, lavoratori, i costituenti del mio paese, gli uomini e le donne impegnati nella lotta che hanno deciso di essere liberi".

 

Otras Noticias

TRAMITES

 

056

CNE
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
pabellon 1
constitucion