emb_italia
Dichiarazione XV vertice dell’ALBA-TCP PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Viernes, 09 de Marzo de 2018 13:44

060

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ha ospitato questo lunedì il 15 ° Summit dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America - Trattato di Commercio dei Popoli (ALBA-TCP), che ha coinciso con la ricorrenza dei cinque anni dalla scomparsa di uno dei fondatori di questo gruppo regionale, il comandante Hugo Chávez.

Durante la riunione di alto livello, gli Stati parte dell'Alleanza hanno respinto - nella Dichiarazione di Caracas - le misure coercitive unilaterali e le presunte sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti contro il paese sudamericano, che influenzano la vita e lo sviluppo del popolo venezuelano e il godimento dei loro diritti.

Il documento finale raccoglie il fermo sostegno dei paesi dell'ALBA-TCP al presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, al suo governo e al processo democratico che dirige.

Nella Dichiarazione, l'ente regionale ha anche riconosciuto il diritto inalienabile del popolo venezuelano di celebrare e partecipare alle elezioni presidenziali e legislative a livello nazionale, statale e comunale, in conformità con le sue regole e procedure interne.

Dichiarazione XV vertice dell'ALBA-TCP
Caracas, 05 marzo 2018

I Capi di Stato e di governo dei paesi membri dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America - Trattato di Commercio dei Popoli (ALBA-TCP) si sono incontrati a Caracas, ispirati alle idee del Comandante Fidel Castro Ruz, leader storico della Rivoluzione cubana, e cinque anni dopo la scomparsa fisica del comandante Hugo Chávez Frías, il cui pensiero e lavoro incarna il vero ideale dell'integrazione latino-americana e caraibica.

Riaffermiamo i principi del Proclama dell'America Latina e dei Caraibi come una zona di pace, firmato dai capi di Stato e/o di governo durante il Secondo Vertice della CELAC, tenutosi a L'Avana il 28 e 29 gennaio 2014.

Chiediamo la stretta osservanza degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale, tra cui la soluzione pacifica delle controversie, il divieto all'uso e della minaccia di uso della forza, il rispetto per l'autodeterminazione, la sovranità, l'integrità territoriale e la non ingerenza negli affari interni di ciascun paese.

Ratifichiamo la piena vigenza, nel contesto attuale di aggressioni contro i paesi progressisti della regione, della Dichiarazione del XIV Vertice dei capi di Stato e di governo dell'ALBA-TCP, del 05 marzo 2017.

Ribadiamo la decisione di continuare a promuovere la costruzione di un nuovo ordine internazionale, giusto e inclusivo, multicentrico e multipolare, in contrasto con le tendenze egemoniche e unilaterali, nel rigoroso rispetto delle persone, delle istituzioni elette e delle diverse culture esistenti nel nostro pianeta.

Denunciamo i tentativi di riprendere la Dottrina Monroe, così come la minaccia militare e le minacce di un colpo di stato militare contro il governo costituzionale del Venezuela.

Sottolineiamo la mancanza di autorità morale degli Stati terzi che vogliono dare lezioni di democrazia e di diritti umani ad altri paesi. Rinnoviamo il nostro fermo sostegno al presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, al suo governo e al processo democratico di cui è a capo.

Riconosciamo il diritto inalienabile del popolo venezuelano di celebrare e partecipare alle elezioni presidenziali e legislative a livello nazionale, statale e comunale, in conformità con le sue regole e procedure interne.

Sosteniamo gli sforzi delle autorità e del popolo venezuelano affinché trovino da soli le risposte alle loro sfide politiche ed economiche.

Rifiutiamo lo sviluppo della corruzione politica ed economica nella regione, che si manifesta con la crescente disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, l'esclusione sociale dei settori sociali più poveri, l'influenza finanziaria delle grandi imprese nelle campagne politiche, la fuga di capitali e il rifugio sicuro offerto da paesi terzi a politici corrotti.

Riaffermiamo la volontà politica di lottare contro la corruzione e la volontà di adempiere agli impegni internazionali in materia, chiedendo ai paesi della regione di intraprendere o continuare ad approfondire la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata transnazionale per garantire il benessere e lo sviluppo dei nostri popoli.

Riaffermiamo la necessità di rafforzare la CELAC, come spazio privilegiato per un accordo politico nella nostra America dichiarata zona di pace durante il secondo vertice della CELAC, svoltosi a L'Avana.

Ratifichiamo gli accordi presi durante i vertici dei capi di Stato e di governo della CELAC e , allo stesso modo, ratifichiamo la dichiarazione di Punta Cana.

Esprimiamo il nostro sostegno incondizionato alla Bolivia nel primo esercizio della Presidenza Pro Tempore della CELAC e dell'UNASUR, come meccanismi di dialogo per consolidare l'integrazione della nostra regione.

Ribadiamo la richiesta della comunità internazionale di revocare incondizionatamente il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti a Cuba, che a causa della sua extraterritorialità colpisce tutti gli Stati. Inoltre, condanniamo le nuove misure adottate per intensificare il blocco e le recenti decisioni unilaterali del governo degli Stati Uniti, che riguardano il popolo cubano, i cittadini statunitensi e le relazioni con Cuba.

Sottolineiamo la volontà del popolo e del governo della Bolivia di ricercare soluzioni pacifiche attraverso il diritto internazionale, la proficua negoziazione e il dialogo riguardo il blocco marittimo che influisce sull'integrazione regionale e impedisce lo sviluppo.

Ci congratuliamo con il popolo ecuadoriano per la sua partecipazione al referendum popolare e al referendum del 4 febbraio 2018, così come per il grande sostegno popolare dato al Presidente Lenin Moreno, che ha rafforzato la democrazia.

Ribadiamo il nostro incrollabile sostegno ai paesi caraibici, vittime dei devastanti fenomeni naturali e dei cambiamenti climatici, affinché possiamo contribuire attivamente con l'obiettivo di superare le devastazioni provocate da questi fenomeni naturali. Chiediamo un trattamento equo e differenziato per gli Stati dei Caraibi. Ribadiamo la nostra solidarietà con le misure e le azioni dei paesi extra-regionali contro vari paesi dei Caraibi dichiarandoli giurisdizioni non cooperative, e ci uniamo alla richiesta di risarcimento per gli orrori della schiavitù e della tratta.

Chiediamo alle organizzazioni sociali e politiche del continente di partecipare ai forum e alle attività dei movimenti sociali e delle forze progressiste che si terranno nel 2018.

Difendiamo l'unità nella diversità della nostra America. Rifiutiamo le esclusioni vergognose e l'interventismo.

L'unità dei nostri popoli non è una semplice chimera degli uomini ... ma un inesorabile decreto del destino. "Uniamoci e saremo invincibili"

Simón Bolívar

Última actualización el Viernes, 09 de Marzo de 2018 14:37
 

Otras Noticias

TRAMITES

 

056

CNE
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
pabellon 1
constitucion