emb_italia
Il primo ministro di Aruba, Evelyn Wever-Croes, vieta l'acquisto di rame non certificato dal Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Jueves, 11 de Enero de 2018 00:00

021

Il primo ministro di Aruba, Evelyn Wever-Croes, ha confermato che questo venerdì si terrà la riunione di alto livello con il governo del Venezuela nell'isola caraibica.

Inoltre, il Primo Ministro di Aruba, ha proibito l'acquisto di rame non certificato proveniente dal Venezuela, come misura per contrastare il contrabbando e l'estrazione illegale del minerale dal Venezuela.

Una commissione presidenziale venezuelana sarà inviata per partecipare alla riunione di alto livello durante la quale si incontreranno con il Primo Ministro.

Inoltre, il governo bolivariano ha annunciato che sarà aperto un ponte aereo in modo che le persone che si trovano a Aruba, Curaçao Bonaire e Venezuela possano tornare nei rispettivi paesi.

Dallo scorso 05 gennaio il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ha ordinato la chiusura per 72 ore delle comunicazione e delle frontiere con le isole di Aruba, Curacao e Bonaire, a causa del traffico merci e il contrabbando di prodotti verso queste isole.

Questa misurai sarà mantenuta fino a quando si terrà la riunione di alto livello tra i due governi, secondo quanto riportato dal vice presidente esecutivo, Tareck El Aissami.

"Non permetteremo ulteriori attacchi da parte di queste organizzazioni criminali. Auspichiamo che venga accantonato l'inazione che incoraggia l'impunità e che si agisca per fermare queste mafie che turbano il rapporto storico con questi popoli fratelli dei Caraibi", ha scritto il Vicepresidente esecutivo, nel suo account sul social network Twitter.

Attualmente, Aruba è il più grande esportatore di rame dei Caraibi, anche se il suo territorio non ha miniere.

Última actualización el Viernes, 12 de Enero de 2018 11:54
 

Otras Noticias

TRAMITES

 

056

CNE
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
pabellon 1
constitucion