emb_italia
Venezuela e ACNUR rafforzano le relazioni e rafforzano le azioni in materia di rifugiati PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Martes, 31 de Octubre de 2017 13:56

360

Il Viceministro per gli Affari Multilaterali e dell'Integrazione, Rubén Dario Molina, ha tenuto, questo lunedì, una riunione con i rappresentanti dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), al fine di rafforzare le relazioni e intensificare il lavoro che è stato iniziato dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela in questa materia.

Il Viceministro Molina ha ringraziato i rappresentanti dell'Alto Commissario per la loro presenza e ha sottolineato l'importanza che ha per il Governo venezuelano l'appoggio e il sostegno dell'ACNUR nel trattamento della situazione dei rifugiati.

"Ringraziamo l'ACNUR per l'interesse speciale rivolto al nostro paese. Quando una nazione, come la nostra, decide di difendere la sua sovranità e indipendenza per promuovere un progetto politico differente da quello degli imperi del mondo, accade che questi imperi sottopongano la nazione a giudizi negativi".

E' emerso come il Venezuela, storicamente, sia un paese che accolga migranti provenienti da tutte le parti del mondo, ai quali è stato riservato un trattamento cordiale e rispettoso, garantendo loro gli stessi diritti e benefici dei venezuelani.

A tal proposito, il diplomatico ha chiesto comprensione sul trattamento che il Paese Bolivariano riceve a livello internazionale. "Stiamo resistendo ad una guerra economica e a un blocco finanziario imposto da potenti nemici internazionali. Il Governo del Venezuela affronta diverse situazioni interne come la polarizzazione politica, una delle tanti ragioni per cui i venezuelani migrano".

Da parte sua, l'Ausiliario per le Operazioni dell'Alto Commissariato Onu, George William Okoth-Obbo ha informato che tra gli obiettivi proposti dall'organismo internazionale c'è quello di rafforzare e approfondire la gestione che attua il Governo venezuelano per i rifugiati, così come continuare a lavorare insieme. "L'ACNUR riconosce il lavoro che ha fatto il Governo venezuelano in questa materia, specialmente con le migliaia di colombiani che sono arrivati in questa nazione. Chiediamo di rafforzare questo lavoro, non solo per i rifugiati dentro il paese, ma anche per i venezuelani che sono fuori", ha dichiarato.

L'incontro si è svolto alla presenza di Alfredo Ruíz, Difensore del Popolo; Juan Carlos Alemán, presidente della Commisione Nazionale dei Rifugiati; il Contrammiraglio Marian Mata Quijada del Ministero del Potere Popolare della Difesa – Commissione Nazionale dei Rifugiati; così come di rappresentanti del Ministero degli Interni, Giustizia e Pace, della Procura Generale della Repubblica e del Servizio amministrativo identificativo, Migrazione e Stranieri (SAIME).

La delegazione dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati era composta da George William Okoth-Obbo, ausiliare per le Operazioni dell'ACNUR, accompagnato da Renata Dubini, direttrice dell'ACNUR per l'America e Mónica Sandri, rappresentante ACNUR in Venezuela.

 

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion