emb_italia
Venezuela apre le sue porte alla 57° esposizione internazionale D’arte la Biennale di Venezia PDF Imprimir E-mail
Escrito por EMBAVENEIT   
Miércoles, 17 de Mayo de 2017 08:22

165

Italia, 12 maggio 2017 (EMBAVENEIT).- Venezuela apre le sue porte nella 57° Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia, con l'esposizione "Formas Escapándose del Marco" del maestro Juan Calzadilla.

La apertura del Padiglione ha visto la partecipazione del Ministero della Cultura grazie a IARTES, del Ministero degli Esteri venezuelano rappresentata dalla Missione Diplomatica in Italia, come anche PDVSA e Bancoex, a sostegno della cultura venezolana.

L'Ambasciata venezuelana rappresentata dall'incaricata d'Affari, María Elena Uzzo, ha dato il benvenuto e ha ringraziato la commissione organizzatrice dell'esposizione curata da Morella Jurado direttrice di IARTES e il commissario Luis Carlos Calzadilla. Allo stesso tempo, ha ringraziato Juan Calzadilla per la sua importante partecipazione come artista selezionato nella Biennale, un omaggio alla poesia visiva del maestro in uno degli scenari artista più importante del mondo.

Successivamente Morella Jurado, ha indicato che la mostra è un libro aperto che illustra il viaggio della carriera artistica di Calzadilla, rispettando la creazione dell'architetto veneziano Carlo Scarpa, attraverso un incontro rispettoso e solidale tra questi due grandi creatori.

La mostra esprime l'anima creativa di Calzadilla attraverso "pareti aperte dove il sole splende, dove la verità riflette un'immagine speculare del sentire del popolo patriottico venezuelano". "Formas escapándose del marco", è l'opera plastica-poetica del maestro Juan Calzadilla, prodotta nella zona di confine tra creazione letteraria e creazione artistica, in particolare tra disegno e poesia. L'opera calligrafica contiene la solidità e la gestualità del disegno, di storie che coprono con forza la superficie della tela, rivelando una padronanza perfetta del mestiere e dell'espressione attraverso il mezzo plastico.

Ha poi aggiunto che "la presenza del Venezuela in questa Biennale rappresenta un grande sforzo in una situazione di costante resistenza di fronte la guerra indotta nel nostro paese", citando le parole dell'intellettuale venezuelano Luis Brito Garcia, "Quando ci parleranno di fascismo mostreremo la nostra cultura".

Il maestro Juan Calzadilla presente durante la cerimonia, si è rivolto al pubblico facendo un riassunto storico della sua carriera e del padiglione venezuelano a Venezia "un'opera d'arte in cui Scarpa ha utilizzato materiali all'avanguardia che rappresentano un'innovazione ancora nel presente. Per il Venezuela è un piacere e un onore avere un padiglione costruito da Scarpa".

Lo storico padiglione venezuelano di Carlo Scarpa, ubicato nei Giardini di Castello, recupera la su luce e alcuni dei suoi spazi originali con questa rigorosa ristrutturazione dopo 61 anni ininterrotti di esposizione dell'arte e architettura venezuelana al mondo.

Al termine della Biennale in corso verranno ripresi i lavori di restauro del padiglione del Venezuela, dove si recupererà tutto lo splendore originale di questo gioiello architettonico del nostro paese in Italia affinché le nuove generazioni di artisti e architetti venezuelani possano continuare a mostrare al mondo la propria arte.

Il tema di questa 57esima edizione della Biennale di Venezia è "Viva Arte Viva" che cerca, come ha affermato Christine Marcel, curatore dell'attuale edizione, "di riconsegnare l'arte agli artisti o almeno tenta di rimetterli al centro del sistema". La Biennale di Venezia si concluderà il 26 novembre.

Última actualización el Miércoles, 17 de Mayo de 2017 08:27
 

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion