emb_italia
Oggi abbiamo arrecato un contraccolpo fondamentale alla destra apolidia PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Jueves, 20 de Abril de 2017 12:29

146

Caracas, 19 aprile 2017 (MPPRE).- "Si è avverato il canto di Alí Primera, con cui è iniziata la Rivoluzione, non resto in casa, vado a combattere, io difenderò Chávez e la Rivoluzione. (...) Oggi il popolo era con Maduro, qui governiamo con il popolo. Se chiedono di Maduro e del popolo, dite loro che sono in strada a guidare la Rivoluzione".

Così ha detto il presidente della Repubblica Bolivariana, Nicolás Maduro Moros dalla Avenida Bolívar a Caracas, salutando la moltitudine di venezuelani che hanno partecipato alla mobilitazione in difesa della pace e della sovranità della Patria Bolivariana, nell'occasione delle celebrazioni dei 207 anni della liberazione dal dominio spagnolo.

Il Presidente venezuelano ha confermato che più di tre milioni di venezuelani sono scesi in piazza per testimoniare la loro volontà e consapevolezza a difesa della Rivoluzione Bolivariana.

"Difenderò il mio paese con determinazione, non mi tirerò indietro, vado avanti con il mio popolo! Oggi è stata una giornata dedicata al popolo in strada, e quando il popolo è in strada c'è pace. Oggi volevano prendere il potere e siamo riusciti a sconfiggerli ancora, abbiamo nuovamente sconfitto i terroristi golpisti".

Ha fatto riferimento ai leader della destra venezuelana, protagonisti e mandanti delle azioni violente per le strade del Venezuela che hanno, ancora una volta, ingannato i loro sostenitori per raggiungere i propri scopi. "Posso affermare con certezza che Julio Borges è il capo del colpo di stato, quindi che non si stupisca quando la giustizia lo andrà a cercare, è il responsabile della violenza". (...)

Il Capo di Stato venezuelano ha affermato che l'unico obiettivo del leader del partito Primero Justicia e dell'opposizione venezuelana avevano per convocare una marcia oggi, era arrivare al Potere Civile per consegnare una lettera con cui hanno richiesto di iniziare un procedimento contro i giudici del Tribunale Supremo di Giustizia (TSJ).

"Hanno nuovamente ingannato i loro sostenitori, nessuno di loro può destituire un magistrato, sono in oltraggio e, inoltre, mancano le ragioni giuridiche per rimuoverli dall'incarico. Ora il presidente del Potere Civile ha emanato un atto ufficiale con il quale decreta che non sussistono le ragioni e che non può essere iniziato un procedimento di destituzione dei giudici del Tribunale Supremo di Giustizia".

A causa dei recenti avvenimenti, il Presidente ha esortato il popolo a informarsi e ad avere un criterio consapevole sulla situazione in Venezuela: una guerra costante che il governo continua ad affrontare.

Il Capo dello Stato ha poi riferito l'arresto di uno dei leader dei gruppi terroristi che operano nel paese chiamato Jeferson, che è stato trovato in possesso di armi esplosive. "Jeferson ha identificato Richard Blanco come il suo capo e finanziatore, stanno smantellando il colpo di stato, saremo i vincitori e come figli di Dio trionferemo nella pace e nella vita".

Maduro ha ribadito che l'attivazione del Piano Zamora ha come obiettivo sconfiggere il colpo di stato e mantenere l'ordine nella nazione e, dopo le prime ore di attivazione, ha affermato: "Questo piano ha funzionato, quindi ringrazio il capo e coordinatore di questo piano, il generale Padrino López".

"Oggi abbiamo arrecato un contraccolpo fondamentale alla destra apolide. Nessuno deve abbassare la guardia, il popolo deve rimanere in strada a difendere la città, la v parrocchia, il paese".

 

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion