emb_italia
Stati e organizzazioni internazionali riconoscono la politica del Venezuela in rispetto e garanzia dei diritti umani PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Viernes, 17 de Marzo de 2017 14:43

116

Durante l'esaminazione del Rapporto del Secondo Esame Periodico Universale del Venezuela in materia di diritti umani, l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) a Ginevra ha espresso un grande riconoscimento per gli sforzi del paese sudamericano per garantire e proteggere i diritti umani della popolazione.

Russia, Pakistan, Filippine, Corea, Sierra Leone, Sudan, Bolivia, Cuba, Algeria, Angola, Vietnam, Bielorussia e la portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (UNICEF, per il suo acronimo in inglese), hanno messo in evidenza il lavoro del Venezuela a favore del rafforzamento dei diritti umani in diversi ambiti.

La delegazione venezuelana era guidata dal ministro del Potere Popolare per il Servizio Penitenziario, Iris Varela, accompagnata dall'ambasciatore Jorge Valero, rappresentante permanente del Venezuela presso le Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali con sede a Ginevra, Svizzera.

Diritti Umani: Un Impegno Bolivariano

Il Ministro Varela ha sottolineato la soddisfazione di aver concluso con successo l'Esame Periodico Universale (EPU) davanti il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, "sia nel rispetto degli obblighi internazionali nel nostro paese, come anche della partecipazione popolare".
"Il Venezuela è un paese impegnato nella giustizia sociale, nell'approfondimento della democrazia e nell'effettiva realizzazione dei diritti umani", ha evidenziato.

Per Varela "L'Esame Periodico Universale ha rappresentato una grande opportunità per implementare, in modo ambizioso e profondo, meccanismi politici e istituzionali straordinari previste dalla nostra Costituzione, al fine di garantire il godimento universale dei diritti umani da parte del popolo venezuelano".

Inoltre ha indicato che il Venezuela avanza nella democratizzazione della sua politica, economia, società e cultura, nonostante le pressioni interne ed esterne che si esprimono tramite atti di sabotaggio e azioni destabilizzanti tendenti al terrorismo.

"La democratizzazione in Venezuela è irreversibile. Il nostro paese è passato da stato autoritario e oligarchico ad uno stato democratico e popolare. Le modifiche attuate verso la giustizia sociale, nell'ambito delle libertà democratiche, continua ad andare avanti nonostante la guerra economica che settori interni e stranieri hanno scatenato contro il nostro popolo", ha dichiarato.

Il ministro ha sottolineato che nel Rapporto Nazionale, presentato dal Venezuela, sono presentati in dettaglio i risultati ottenuti in materia di diritti umani.

Il rappresentante del Venezuela ha poi precisato che "A partire dalla fondazione della V Repubblica da parte del Comandante Hugo Chávez, grazie al processo costituente del 1999, il Venezuela è diventata la nazione pioniere nella promozione e protezione dei diritti umani".
A questo proposito, ha detto che il Venezuela ha fatto passi da gigante per far fronte ai propri obblighi nei confronti del Sistema Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

"Il Venezuela conferma la sua volontà di continuare a progredire nella cooperazione attraverso i suoi organi istituzionali, e grazie anche all'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani", ha sottolineato.

Il Venezuela ha accettato la maggior parte delle raccomandazioni

Il ministro Varela ha poi indicato che, delle 274 raccomandazioni che sono state fatte all'EPU tenutosi nel novembre 2016, il Venezuela ne ha accettato la maggioranza: "il 70% delle quali sono in corso di attuazione".

"Le raccomandazioni accettate si riferiscono ad una serie di questioni che sono di interesse primario per il nostro Paese, come l'accesso alla giustizia, all'uguaglianza di genere, sessuale e per i diritti riproduttivi; lo sradicamento della povertà; la partecipazione politica e protagonista negli affari pubblici", ha evidenziato.

In particolare, il Venezuela ha assunto presso le Nazioni Unite e il mondo, 24 impegni volontari in materia di diritti umani, un'azione che conferma il suo fermo impegno per la promozione e la protezione di questi diritti.

Risultati in materia penitenziaria

Il ministro ha anche spiegato il progresso fatto dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela nella tutela dei diritti umani dei detenuti.
Durante il suo discorso a 120 delegazioni provenienti da diversi paesi, Varela ha presentato prove convincenti dei risultati ottenuti in materia penitenziaria, e ha ricordato che prima dell'arrivo alla presidenza del comandante Hugo Chávez, "Nessuno aveva mai parlato di questo tema in Venezuela".

Inoltre, ha spiegato come il nuovo regime carcerario è riuscito a pacificare le prigioni in Venezuela e ha ridato dignità ai detenuti e degli adolescenti reclusi.

Ha poi enumerato gli altri risultati ottenuti durante il suo mandato: la creazione di dieci (10) orchestre sinfonie e sei (6) gruppi di studio all'interno del sistema carcerario del paese.

Inclusione della donna nella Rivoluzione Bolivariana

Il ministro del Potere Popolare per le Donne e l'Uguaglianza di Genere, Blanca Eekhout, ha sottolineato poi l'importanza che il governo nazionale da alle donne venezuelane.

Ha sottolineato che la Repubblica Bolivariana del Venezuela è il quinto paese al mondo con il più alto tasso d'iscrizione universitaria e il 60% degli studenti sono donne.

Il ministro Eekhout ha quindi ricordato che la legislazione vigente in Venezuela offre l'opportunità alle donne di godere del loro permesso pre e post parto così come la sicurezza di non essere licenziate nei due anni successivi alla gravidanza.

Il Venezuela avanza nella protezione dei diritti umani, che si è rafforzato con la Rivoluzione Bolivariana ed è progredito grazie alle politiche di inclusione promosse dal Presidente della Repubblica Nicolás Maduro Moros.

Última actualización el Viernes, 17 de Marzo de 2017 14:50
 

Otras Noticias

TRAMITES
190-AAA
botón mercosur2
DISCUSO DELCY ONU
DERECHOS HUMANOS PARA EL BUEN VIVIR
plan de derechos humanos
boton
boton embajador
CATALOGO BIENAL DE VENECIA 2016-1
boton venezuela en cifras 2015-1
constitucion