emb_italia
Venezuela en el Mundo


Venezuela protesta formalmente contro le sanzioni del Consiglio dell’Unione Europea PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 15 de Noviembre de 2017 11:42

375

Il ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Jorge Arreaza Montserrat, ha tenuto una riunione con i rappresentanti diplomatici dei paesi membri dell'Unione Europea (UE) accreditati a Caracas, per esprimere il forte rifiuto del governo nazionale di fronte la decisione del Consiglio del blocco che intende imporre sanzioni illegali al popolo venezuelano.

Dalla Casa Amarilla Antonio José de Sucre, il Ministro del Potere Popolare per gli Affari Esteri si è detto rammaricato per l'adesione dell'UE alla strategia interventista del governo degli Stati Uniti che ha anche minacciato di usare la forza militare in Venezuela.

"La cosa più triste è che stanno seguendo non solo il governo degli Stati Uniti, ma proprio l'amministrazione del presidente Donald Trump (...) che ha minacciato il Venezuela con un intervento militare", ha dichiarato alla stampa.

In questo contesto, il diplomatico ha sottolineato che la Repubblica Bolivariana si riserva il diritto di difesa con risposte concrete.

"Non possiamo permettere che la sovranità sia aggredita in questo modo, per questo stiamo svolgendo un'analisi completa in tutti i settori", ha sentenziato.

Pressioni

Il Ministro degli Esteri venezuelano ha denunciato, inoltre, le pressioni di cui sono stati oggetto alcuni paesi dell'Unione Europea, che si sono piegati alla decisione del Consiglio, il cui documento è una copia del documento emesso dal governo degli Stati Uniti contenete le presunte sanzioni contro i cittadini venezuelani.

"Affermano che lo scopo è incoraggiare il dialogo tra le parti - il governo e l'opposizione - ma dal 2014 la delegazione governativa aspetta che l'opposizione si degni di scommettere sulla pace e rinunciare alla violenza per unirsi a un processo di dialogo nazionale necessario; sono loro che non vogliono sedersi a dialogare", ha aggiunto.

Allo stesso tempo, ha criticato il fatto che l'UE intende limitare le importazioni verso il Venezuela di attrezzature per le forze dell'ordine, quando invece il governo di uno dei suoi paesi membri "ha usato attrezzature anti-sommossa per evitare che un popolo andasse a votare".

Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti diplomatici della Repubblica Federale della Germania, della Repubblica d'Austria, la Repubblica francese, la Repubblica ellenica, la Repubblica italiana, la Repubblica polacca, la Repubblica portoghese, Romania, il Regno di Spagna, il Regno dei Paesi Bassi e il Regno Unito della Gran Bretagna e Irlanda del Nord, come anche dell'UE.

 
Venezuela protesta formalmente decisión de sanciones del Consejo de la Unión Europea PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 15 de Noviembre de 2017 11:34

375

El canciller de la República Bolivariana de Venezuela, Jorge Arreaza Montserrat, sostuvo una reunión este martes con los representantes diplomáticos de países miembros de la Unión Europea (UE) acreditados en Caracas, con el objetivo de expresar el rechazo enérgico del Gobierno nacional a la decisión del Consejo del bloque que pretende imponer ilegales sanciones al pueblo venezolano. (Versión en Italiano)

Última actualización el Miércoles, 15 de Noviembre de 2017 11:45
Leer más...
 
The Bolivarian Republic of Venezuela strongly rejects the decision made by the Council of the European Union, which intends to impose illegal, absurd, and inefficient sanctions against the Venezuelan people PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Martes, 14 de Noviembre de 2017 15:35

000 COMUNICADO OFICIAL

The European institutions show their regrettable and shameful subordination to the rulings of the United States administration by blatantly violating the international law and the sacred principles of respect for sovereignty, self-determination of the peoples and noninterference in the internal affairs of the States, set forth in the United Nations Charter.

These actions by the European Council -that clearly follow Washington's aggressive course of action- are based on arguments which seem drawn from the sanctions recently issued by Trump's administration against Venezuela and its people.

Furthermore, the European Council intends to make the world believe that there was an alleged consensus among its member States to adopt such hostile measures, when in reality the major European economies significantly put pressure on the rest of the governments of the bloc and also on the EU's own institutions, thus evidencing the significant inequalities and the absence of democracy within the "union".

It is not a coincidence that the Council of the European Union takes these offensive measures on the eve of the resumption of the National Dialogue in Dominican Republic, announced by both the National Executive branch and the Venezuelan opposition.

Far from contributing to harmony and peace in Venezuela, the European Union has approved hostile decisions that only aim at the failure of the National Dialogue and encourage those who have generated political violence, death and destruction as mechanisms to unconstitutionally obtain power.

It is worth remembering that Venezuela has returned to political and social peace by means of the democratic election of the National Constituent Assembly; as evidence thereof, State Governors' elections were recently held in absolute peace, and next December 10th, municipal elections are to be held within the framework of the dynamic electoral timetable of our Venezuelan democracy.

It is noteworthy that these intended sanctions constitute an attack not only to the Venezuelan people but also to almost the millions of Europeans who chose our country as their home and who have directly suffered the ravages of the political and economic violence generated these past few months by the opposition.

The European Union is also setting a dangerous precedent in its relations with Latin America, as it arrogates the authority to sanction a sovereign country merely because its model of popular democracy does not fit in the elitist and corporative models from European regimes.

The peoples of the world and the international community must be aware that neither weapons nor military equipment are a priority to Venezuela, and this inefficient media and political operation does not affect our domestic security at all. Instead, the Bolivarian Government aims at preserving national peace through dialogue and at pursuing a development founded in social justice to overcome current issues.

Unlike the countries of the European bloc, we do not seek to deflect attention from our problems by attacking other nations. The European Council should prevent the law enforcement equipment from being used to hamper the sacred right to decide and hold democratic and peaceful electoral processes, just as it was recently seen in one of its member States in an unprecedented episode of police repression.

The Bolivarian Republic of Venezuela reaffirms its unwavering independent and sovereign nature and denounces these hostile acts before the international community. No decision taken by European elites and bureaucracies shall be able to break the sovereign determination of our people to be free.

The government of the Bolivarian Republic of Venezuela demands that the European Union ceases its unfriendly actions and moves itself away from the warmongering and interventionist agenda of the United States government, which has caused great damage to our country and the world.

We reiterate that the Venezuelan people, faithful to its libertarian heritage and defender of its independence, shall continue to stand against any attack or threat, and the Bolivarian Government of Venezuela reserves the right to make decisions in different fields to ensure the defense of national peace and sovereignty.

Caracas, November 13th, 2017

 
Venezuela repudia decisión del Consejo de la Unión Europea que pretende imponer sanciones al pueblo venezolano PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Martes, 14 de Noviembre de 2017 15:31

000 COMUNICADO OFICIAL

La República Bolivariana de Venezuela repudia enérgicamente la decisión del Consejo de la Unión Europea al pretender imponer ilegales, absurdas e ineficaces sanciones contra el Pueblo de Venezuela. Violando descaradamente el Derecho Internacional, y los sagrados principios de respeto a la soberanía, la autodeterminación de los pueblos y la no injerencia en los asuntos internos de los estados, establecidos en la Carta de las Naciones Unidas, las instituciones europeas demuestran su lamentable y vergonzosa subordinación a los dictámenes del gobierno de los Estados Unidos. Siguiendo la agresiva línea de conducta de Washington, el Consejo Europeo justifica sus acciones con argumentos calcados de los documentos sancionatorios que contra Venezuela y su pueblo ha generado recientemente la administración Trump. (Versión en Italiano); (Versión en Ingles)

Última actualización el Jueves, 16 de Noviembre de 2017 15:56
Leer más...
 
Ministro Arreaza: Venezuela sta attraversando un processo di ripresa politica ed economica PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Lunes, 13 de Noviembre de 2017 12:38

374

La Repubblica Bolivariana del Venezuela sta attraversando un processo di ripresa politica ed economica, nonostante gli attacchi finanziari che i centri di potere mondiale rivolgono contro il paese, ha affermato il ministro del Potere Popolare per gli Affari Esteri, Jorge Arreaza Montserrat.

"Siamo vicini a riportare gli indicatori economici in positivo", ha detto il Ministro in un'intervista con la televisione nazionale dell'Uruguay, nella sua recente visita a Montevideo.

Allo stesso tempo, ha ricordato che il presidente Nicolás Maduro ha espresso la volontà di rifinanziare e riorganizzare gli impegni internazionali, una misura che aprirà delle possibilità non solo per adempiere eventuali impegni in sospeso, ma per attivare nuove responsabilità.

Durante l'intervista, il Diplomatico venezuelano ha invocato l'unità dei popoli latinoamericani e dei Caraibi, e ha sottolineato la necessità di rafforzare i meccanismi d'integrazione come l'Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) e della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC).
"Dobbiamo passare dalle parole ai fatti concreti in materia d'integrazione", ha dichiarato.

Violenza dell'opposizione

Inoltre, il Ministro ha denunciato la responsabilità dell'oppositore Freddy Guevara nelle azioni violente che si sono svolte nella Repubblica Bolivaria tra aprile e luglio di quest'anno e che hanno provocato la morte di decine di persone e causato gravi danni alle istituzioni pubbliche e private.

"Lui è stato il promotore principale della violenza, colui che ha chiesto la distruzione delle istituzioni, colui che ha incitava a manifestare in strada per rovesciare con violenza il governo costituzionale del Venezuela, mettendo in pericolo la vita di bambini e adolescenti; se lo avesse fatto a Montevideo, Buenos Aires, Brasilia, Berna, Madrid, Lisbona, Mosca o in Cina, sarebbe andato in prigione immediatamente", ha indicato il Ministro.

 
<< Inicio < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Próximo > Fin >>

Página 2 de 184

Otras Noticias