emb_italia
Venezuela en el Mundo


Mensaje a los pueblos del mundo por la paz, la soberanía y la democracia en Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Miércoles, 30 de Agosto de 2017 09:10

302

Caracas, 28 de agosto de 2017 (MPPRE).- A través de un comunicado, miembros de movimientos sociales, organizaciones de derechos civiles, partidos políticos, académicos, intelectuales y creadoras, denunciaron la conspiración internacional encabezada por el Gobierno de Donald Trump contra el pueblo de la República Bolivariana de Venezuela, su Gobierno y sus legítimas autoridades. (Versión en Italiano)

Última actualización el Miércoles, 30 de Agosto de 2017 14:32
Leer más...
 
China rechaza sanciones ilegales contra Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por TELESUR   
Martes, 29 de Agosto de 2017 13:35

301

China considera que las sanciones económicas y financieras impuestas por EE.UU. contra Venezuela solo consiguen que la situación sea más compleja.Versión en Italiano)

Última actualización el Martes, 29 de Agosto de 2017 13:42
Leer más...
 
La Cina condanna le nuove sanzioni USA contro il Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por TELESUR   
Martes, 29 de Agosto de 2017 13:23

301

La Cina ha respinto queste nuove sanzioni statunitensi contro il Venezuela, con la richiesta di porre fine alle ingerenza straniere negli affari interni della nazione sudamericana

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un nuovo ordine esecutivo volto a colpire la capacità di finanziamento del debito per lo Stato venezuelano e l'azienda pubblica PDVSA, nel tentativo di fermare i finanziamenti che ah definito come combustibile per la «dittatura» di Maduro.

La nuova pesante ingerenza negli affari interni del Venezuela ha trovato la ferma condanna della Cina.

La Cina ha respinto queste nuove sanzioni statunitensi contro il Venezuela, con la richiesta di porre fine alle ingerenza straniere negli affari interni della nazione sudamericana. Pechino ha aggiunto che l'imposizione di sanzioni unilaterali hanno storicamente solo complicato le situazioni.

«L'esperienza della storia mostra che le interferenze esterne o le sanzioni unilaterali renderanno la situazione ancora più complicata e non contribuiranno a risolvere il problema reale», ha dichiarato Hua Chunying, portavoce del Ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese, in occasione di un incontro con la stampa.

«Gli attuali problemi del Venezuela dovrebbero essere risolti dal governo venezuelano e dal popolo», ha aggiunto Chunying.

All'inizio di questo mese, la Cina ha affermato di credere che le elezioni per l'Assemblea Costituente del Venezuela si siano «tenute senza problemi», spazzando via la condanna proveniente dagli Stati Uniti, dall'Unione europea e da altri paesi satellite degli Stati Uniti, Italia compresa.

Mentre gli Stati Uniti continuano con minacce e azioni contro il Venezuela, la Cina è rimasta un forte alleato della nazione bolivariana, continuando a onorare i rapporti commerciali e ad avanzare nuove offerte petrolifere.
Sulla stessa lunghezza d'onda del colosso asiatico i tre ex capi di Stato Jose Luis Rodriguez Zapatero, Leonel Fernandez e Martin Torrijos - mediatori tra governo e opposizione - che hanno condannato la pressione politica e finanziaria esercitata dagli Stati Uniti contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, sanzioni e minacce di intervento militare incluse.

I tre ex capi di stato hanno criticato le sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti e la proposta di un intervento militare per risolvere la crisi venezuelana. «Riteniamo che le sanzioni e l'ipotesi avanzata da un intervento militare non contribuiscano ad una soluzione intelligente e costruttiva».

Última actualización el Martes, 29 de Agosto de 2017 13:35
 
Comunicado de la Cancillería rusa sobre la situación de Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Martes, 29 de Agosto de 2017 12:41

300

Respuesta de la portavoz del Ministerio de Asuntos exteriores de Rusia, María Zakharova, ante la pregunta de los medios sobre las sanciones sectoriales de los Estados Unidos contra Venezuela. (Versión en Italiano)

Última actualización el Martes, 29 de Agosto de 2017 13:15
Leer más...
 
Comunicato del Ministero degli Esteri sulla situaizone in Venezuela PDF Imprimir E-mail
Escrito por MPPRE   
Martes, 29 de Agosto de 2017 12:26

300

Risposta della portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Russia, Maria Zakharova, alla domanda dei media sulle sanzioni degli Stati Uniti contro il Venezuela.

 

Comunicato del Ministero degli Esteri russo sulla situazione in Venezuela
Mosca, 28 agosto 2017

 

Risposta della portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Russia, Maria Zakharova, alla domanda dei media sulle sanzioni settoriali degli Stati Uniti contro il Venezuela.

Domanda: Cosa ne pensa dell'introduzione delle sanzioni settoriali contro il Venezuela da parte degli Stati Uniti?
Risposta: Non accettiamo in nessun modo le sanzioni unilaterali contro gli Stati sovrani. Le misure di pressione finanziaria sul Venezuela e contro il presidente Nicolás Maduro annunciate nei giorni scorsi, sono state introdotte da Washington quando nel paese sorgevano segni di relativa stabilizzazione nella sua politica interna, a seguito delle elezioni dell'Assemblea Nazionale Costituente: sono diminuite un po' le proteste di strada, c'è in programma un calendario per le prossime elezioni, anche le elezioni dei governatori e quelle presidenziali. Sono stati fatti dei passi per stabilire un'interazione con l'Assemblea Nazionale che si oppone al governo, ma, purtroppo, è stata respinta dai suoi leader radicali.

In queste condizioni, le sanzioni settoriali annunciate contro il settore finanziario e petrolifero del Venezuela cercano chiaramente di peggiorare l'instabilità della situazione nel paese, radicalizzando i problemi economici. Inoltre, inaspriscono la visione di coloro che come unica opportunità politica vedono la destituzione del potere delle autorità venezuelane.

Le azioni degli autori delle sanzioni sono piene di cinismo. Como si evidenza dalle dichiarazioni dei funzionari statunitensi, l'amministrazione sta esplorando varie possibilità per inasprire la sua linea, includendo l'uso potenziale della forza contro il Venezuela solo "in caso di deterioramento della situazione" nel paese sudamericano. Si pone la domanda: Qual è l'obiettivo di queste sanzioni statunitensi? Servono forse a risollevare l'economia venezuelana? È ovvio che la logica delle sanzioni implica una prospettiva di aumento delle tensioni.

Abbiamo ripetuto in diverse occasioni il pericolo che potrebbe portare lo scoppiare di un confronto politico interno in Venezuela: può mettere in pericolo l'esistenza dello Stato venezuelano. Il provocare e favorire la destabilizzazione della situazione della politica interna dall'estero non può andare a beneficio dei venezuelani, a prescindere delle opinioni politiche che abbiano. È necessario, anzi: contribuire allo stabilimento di un dialogo fra tutte le principali forze politiche del paese, il che creerebbe le condizioni per correggere la situazione economica. La soluzione richiede, il che non è meno importante, l'appoggio politico dall'estero.

Siamo disposti a contribuire alla soluzione della crisi in Venezuela rispettando le dinamiche della politica interna in quel paese. Secondo noi, non esistono altre soluzioni se non le negoziazioni pacifiche e responsabili nell'ambito legale e senza ingerenza estera.
Tutto quello che c'è oltre questo ambito, ha come obbiettivo minare l'ordine costituzionale in Venezuela e porta a nuove privazioni per i cittadini di quel paese.

Analizzeremo con cura le conseguenze delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e la loro possibile influenza negli interessi della Russia e dei nostri affari. Ma possiamo da adesso vedere che non saranno capaci di influire sulla nostra disponibilità a sviluppare e rafforzare la cooperazione con il Venezuela e il suo popolo.

Última actualización el Martes, 29 de Agosto de 2017 13:15
 
<< Inicio < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Próximo > Fin >>

Página 6 de 167

Otras Noticias